Utenti online  

CHI SIAMO

I volontari

La nostra storia

Il nostro statuto

Diventa volontario

 

LE NOSTRE ATTIVITA'

Osservatorio ornitologico

  Inanellamento

  Birdwatching

 

Recupero fauna selvatica

  Cos'è?

  Se trovo un animali ferito?

 

Educazione Ambientale

  Il significato per la LIPU

  Catalogo Educazione

  Una penna per amico

  Laboratorio nidi artificiali

  Conoscere e volare

  Centri estivi

 

Ricerche e progetti

  Una città tra torri e rondoni

  Radiotracking

  Atlante dell'avifauna di Asti

  Progetto "Amphibia"

  Aree di rispetto

  Torre per Balestrucci

 

Divulgazione

  Visite guidate 

  Video documentario

  Le manifestazioni

  DVD Avifauna

  Gite organizzate

  

ARCHIVIO  

  Notiziario

  Articoli sulla LIPU Asti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

HOME

CAPRIOLI


CONTATTI

   Dove siamo

   Orari e info

   Sostienici

   Adozioni a distanza

 

INFORMAZIONI

  Caccia

  Caprioli

  Conservazione

  Chirotteri

  Birdgardening

  Festa d'estate  

 

LINK

 

 

 

 

  

 

 

      

 

 

  

 

 

Si ringrazia:

Non si è smarrito, è un piccolo di capriolo in perfetta salute, se lo incontri non condannarlo a una possibile MORTE, nella smania di aiutarlo. Restare immobile è il suo modo di difendersi dai predatori.

Se lo tocchi, la madre lo percepirà e lo abbandonerà e lo condannerai ad essere allevato nei centri recupero oppure nella peggiore delle ipotesi a morire di fame. Se non lo tocchi la madre tornerà a prendersene cura.

Il capriolo è un cervide di piccole dimensioni, dal mantello fulvo in estate. La gola e le parti ventrali e la regione perianale, detta specchio anale, sono bianche. La coda è cortissima e non emerge dal pelo, anche se nella femmina c'è un ciuffo di peli che ricopre la vulva. Il maschio possiede piccoli palchi (con questo termine vengono indicate le corna dei cervidi) con tre sole punte; questi cadono ogni anno (da ottobre a dicembre) e ricrescono alla fine dell'inverno. In passato il capriolo veniva considerato un animale tendenzialmente solitario, ma oggi si sa che ha un comportamento sociale piuttosto complesso ed articolato. Infatti, mentre i maschi conducono per gran parte dell'anno un'esistenza solitaria (anche perché già alla fine dell'inverno tra di loro iniziano le dispute territoriali), le femmine spesso vivono riunite in branchi, composti in media da 3-7 individui (ma possono essere anche più grandi), diretti da una femmina dominante. In tali branchi le gerarchie ed i rapporti sociali sono ben definiti e strutturati.

Nel periodo che va dalla tarda primavera all'inizio dell'estate (maggio-giugno) le femmine partoriscono 1 o 2 piccoli dal caratteristico mantello bruno fittamente maculato. Molto spesso, le femmine lasciano il cucciolo nascosto nell'erba alta, mentre loro vagano nei paraggi in cerca di cibo.

Il periodo degli amori va da metà luglio a fine agosto ed il corteggiamento è costituito da una serie di inseguimenti da parte del maschio nei confronti della femmina.

La gestazione dura circa 9 mesi e mezzo; infatti l'ovulo, una volta fecondato, si impianta nell'utero materno, ma rimane quiescente fino a dicembre, quando riprende a svilupparsi. Questa caratteristica viene detta ovoimplantazione differita.

Con l'arrivo dell'autunno, poi, anche i maschi si riuniscono ai branchi di femmine e spesso occupano un posto in fondo alla gerarchia.

I giovani raggiungono la maturità sessuale dopo il primo anno di vita a circa 14 mesi di età.

Può raggiungere un'età massima di 12-18 anni.

Per maggiorni informazioni per l'adozione clicca sulla pagina dedicata.

 

 

 

 

 

 


LIPU sezione di Asti - Strada Stazione San Damiano 48\bis - 14016 Tigliole d' Asti - e-mail : lipuat@libero.it

©Lipu sezione di Asti 2012