CHI SIAMO

I volontari
La nostra storia
Il nostro statuto
Diventa volontario

Il bilancio sociale LIPU
 

  LE NOSTRE ATTIVITA'

Osservatorio ornitologico

  Inanellamento

  Birdwatching

 

Recupero fauna selvatica

  Cos'è?

  Se trovo un animali ferito?

 

Educazione Ambientale

  Il significato per la LIPU

  Catalogo Attività

  Centri estivi

 

Ricerche e progetti

  Una città tra torri e rondoni

  Radiotracking

  Atlante dell'avifauna di Asti

  Progetto "Amphibia"

  Aree di rispetto

  Censimento Piccioni

 

Divulgazione

  Visite guidate

  Video documentario

  Le manifestazioni

  DVD Avifauna

  Gite organizzate

  

ARCHIVIO  

  Notiziario

  Articoli sulla LIPU Asti

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

CI TROVI ANCHE SU:

 


CONTATTI

 Dove siamo

 Contatti, Orari e ingressi

 Sostienici e diventa socio LIPU

 AIUTA un animale

 Resta informato


INFORMAZIONI SU

  Caccia
  Caprioli
  Conservazione
  Chirotteri
  Birdgardening

  Festa d'estate

  

 

LINK

 



In collaborazione e con l'aiuto:

 


CACCIA ILLEGALE

Milleduecento esemplari appartenenti a specie protette dalla legislazione europea e italiana: zigoli, peppole, lucherini, pispole, cardellini, pettazzurri.

E’ il bottino che dieci cacciatori italiani stavano cercando di portare in Italia, dopo un periodo di turismo venatorio in Romania. Li hanno intercettati, e denunciati, i Carabinieri forestali del Cutfaa all’aeroporto di Orio al Serio di Bergamo. La Lipu rilancia la notizia, passata questa sera su Canale 5 alla trasmissione Striscia la Notizia, e plaude alla brillante operazione. “Saremo Parte Civile al processo contro questi cacciatori – dichiara Fulvio Mamone Capria, presidente della Lipu – perchè meritano una punizione esemplare. Uno scandalo, quello della caccia all’estero, di cui si parla poco ma che costituisce un grave problema per gli uccelli migratori, un patrimonio che appartiene a tutta la comunità.

                      

“Ho ringraziato personalmente il gen. Antonio Ricciardi, comandante del Cutfaa per la straordinaria e non facile operazione di intelligence che rappresenta un duro colpo ai viaggi di caccia illegale all’estero” - conclude il presidente. “Se iscritti ad associazioni venatorie sarebbe il caso che questi bracconieri venissero espulsi dalle loro stesse organizzazioni. Non si può tacere di fronte a questo furto di biodiversità e al business milionario che ruota attorno la tragica farsa del turismo venatorio. Questa vicenda rappresenta una pessima figura dell’Italia a livello comunitario”.

LIPU sezione di Asti - Strada Stazione San Damiano 48\bis 14016 - Tigliole d'Asti - e-mail : asti@lipu.it

©Lipu sezione di Asti 2012